Carteggio 09: la Brigata operaia

La Brigata Operaia “Due a denari” non usa mezze parole, né usa troppe parole. Però usa bene le mani e lo fa all’insegna della gratuità e del mutuo soccorso.

Per questa nona puntata abbiamo tentato un esperimento diverso: tre voci, tre accenti, tre sguardi differenti per condividere la recente storia di una Brigata per l’emergenza diversa da quel che ti aspettavi.

Buon ascolto.

Brigata Operaia Due a denari

Ok ma cos’è questo podcast, se è la prima volta che capito da queste parti? Prova a leggere qui.

Due note su Carteggio

Prima o poi un pippone doveva arrivare, eravate preparati. Ma questo è breve. Oggi niente nuove puntate (la prossima è registrata, montata, e arriva a stretto giro!) ma due paroline su questo podcast.

L’idea di partenza era quella di dar vita ad un contenitore pubblico di storie, sguardi, esperienze, interessanti. Tutta roba che non trovava posto in altre scatole collettive, o che non avrei potuto condividere con questo stile: nessun format, nessuna periodicità, nessuna pubblicità, nessuna durata predefinita, né filone tematico.

Di podcast è pieno il web, ce n’è di super professionali, di decisamente pop, e pure di semplici trasmissioni radiofoniche riproposte on demand. Il mio palinsesto quotidiano batte al ritmo di questa miscela di contenuti, suoni, voci. Ecco perché il podcast si rivelava istintivamente adeguato: sento il montato audio, i suoi tempi e i suoi rumori come il linguaggio più intimo e rispettoso, e al tempo stesso libero, per condividere saperi.

Continue reading “Due note su Carteggio”

Carteggio 07: Renato fa a pugni

Ho conosciuto Renato De Donato forse nel 2012. L’ho incontrato nuovamente in Heracles Gymnasium, in via Padova a Milano, per farmi raccontare il suo mestiere di preparatore alla luce di una carriera tra boxe, musica classica, allenamenti a rugby e accompagnamento di fine carriera.

La settimana puntata di Carteggio

E tutto il resto che c’è da sapere su Carteggio? A questo indirizzo.

Carteggio 06: Springsteen secondo Tino

La sesta è una puntata particolare. Registrata a casa con un amico speciale, e credo l’atmosfera di complicità si respiri in ogni capitolo del racconto.

Questa settimana raccontiamo in poco meno di 30 minuti l’iniziazione alla fede springsteeniana, le sue tappe, i momenti segnanti, l’immancabile aneddotica di base.


Come sempre se siete capitat* qui per caso, e volete capirci di più, trovate qualche parola su Carteggio a questo indirizzo.